I miei amici – singolo (2000)

i-miei-amici-single

Tracklist:

01) I miei amici (testo)
Pubblicato in Discografia | Lascia un commento

Esperanto (1995)

folder2

Tracklist:

01) Difficile amarsi (testo)
02) Sto pensando a te (testo)
03) Piccole grandi cose (testo)
04) Felice (testo)
05) Liberi (testo)
06) L’amore (testo)
07) La casa del pazzo (testo)
08) Ti aspetto (testo)
09) Me stesso (testo)
10) Il mare nella nave (testo)
Pubblicato in Discografia | Lascia un commento

La casa del pazzo – singolo (1995)

la-casa-del-pazzosingle

Tracklist:

01) La casa del pazzo (testo)
Pubblicato in Discografia | Lascia un commento

Figlio Perfetto (1991)

folder1

Tracklist:

01) Figlio perfetto (testo)
02) Cantando (testo)
03) I soldati e le donne (testo)
04) Gira gira (testo)
05) Rose e mimose (testo)
06) Un temporale estivo (testo)
07) Le calze tese (testo)
08) Cosa non c’è più (testo)
Pubblicato in Discografia | Lascia un commento

Pittore di me stesso (1989)

folder

Tracklist:

01) Un amore improvviso (testo)
02) Come se parlassero due amici (testo)
03) Bella come una rosa (testo)
04) Cielo di cenci (testo)
05) Crescerò con te (testo)
06) Svegliati Maria (testo)
07) Anna (testo)
08) Resta così (testo)
Pubblicato in Discografia | Lascia un commento

Se io ho perso… chi ha vinto? (2011)

Testi di Abner Rossi
Brani di Alessandro Hellmann, Mario Berlinguer, Abner Rossi, Fabrizio Gatti, Rosario Di Bella, Michele Amadori
Con:  Anna Maira Castelli (cant-attrice), Marco Cremaschini (pianoforte, tastiere), Simone Guiducci (chitarra acustica), Thomas Sinigaglia (fisarmonica).

Nello spettacolo, la protagonista parte dalla constatazione di aver perso la battaglia per una vita felice in un mondo migliore, ma si chiede chi siano i vincitori se è vero che la sua sconfitta è una sconfitta di tutte le persone e di ogni individualità. Senza una vita felice in un mondo migliore è prima di tutto l’intelligenza a perdere e se questa perde sono l’ignoranza e l’egoismo a vincere. Ed è qui che allora la protagonista si indirizza verso un’analisi ed una critica e auto-critica attenta verso i limiti, oggi ancora più evidenti di qualche anno fa, di un’umanità sempre più autodistruttiva e votata all’arroganza della stupidità. In questo senso questo spettacolo riparte da dove Gaber si è interrotto ed ipotizza nuovi scenari come necessario proseguimento del lavoro artistico e di attenta analisi sociale da lui intrapreso ormai quasi trent’anni fa.

Pubblicato in Teatro | Lascia un commento

La vita accanto (2010)

Continua a leggere

Pubblicato in Cinema | Lascia un commento

Premio "Corto e cultura" 2010

A Manfedronia, premio a Rosario Di Bella
per la miglior colonna sonora de “La vita accanto”
di Giuseppe Pizzo

Pubblicato in News | Commenti disabilitati su Premio "Corto e cultura" 2010

Cassandra e il re (2010)

Regia di Giuseppe Argirò
Musiche di Rosario Di Bella/Vincenzo Incenzo
Con: Iun Ichikawa, Leandro Amato
Produzione Le donne di Itaca

Cassandra la pazza, la visionaria, la santa, la profetessa inascoltata. È una straniera in un mondo che non l’ha mai accolta. La sua diversità costituisce anche la sua forza ed è il segno con cui si rivelerà agli uomini. La figlia di Priamo è da sempre ai margini del consorzio umano, al limite della ragione, nelle zone oscure di una psiche ingovernabile. Cassandra è una posseduta e al contempo una donna piena di grazia in un’oscillazione costante tra sacro e profano. Di tutte le eroine greche è quella che maggiormente si avvicina alla condizione dell’antieroe moderno: una donna condannata alla solitudine e all’impotenza dell’anima. La sua condanna consiste nel prevedere senza poter agire. Cassandra non può fare a meno di “vedere” ma nessuno vuole crederle, perché tutti sanno nel profondo che ciò che racconta del mondo è vero.
Solo un uomo ne avrà compassione e, pur non comprendendola, l’amerà. Un uomo avvezzo alla guerra e non alle parole, in grado di far sua ogni cosa che desideri, un uomo che in nome della gloria, ha sacrificato gli affetti più cari: Agamennone.
Cassandra ha aperto una breccia nel suo cuore spietato e gli ha regalato un volto più umano. In questo universo dolente e contraddittorio, si muovono Cassandra e il Re, ognuno di loro salva l’altro e ognuno lo condanna. La morte è una fedele compagna per entrambi e in quel breve spazio che li separa dalla fine, consumano il loro amore fatto di memoria e di silenzi. La loro agnizione li getta al di fuori della storia, immuni da qualsiasi giudizio morale.
Lo sfondo è la spiaggia di Troia da cui partire per un viaggio che li porterà di fronte ai leoni di Micene dove conosceranno la loro fine, uniti in un abbraccio infinito, uccisi entrambi dalla vendetta omicida di Clitennestra. I due protagonisti si fronteggiano nello spazio scenico superando la diffidenza del conflitto e della diversa provenienza, confessandosi vicendevolmente. Agamennone supererà le asprezze e le crudeltà della guerra raccontando la propria interiorità e liberandosi dalla responsabilità dell’essere re. Cassandra scoprirà i sui desideri di normalità e la volontà di essere amata per quello che è al di là del suo potere profetico.
Due esseri umani lacerati dalla contraddizione, incapaci di esprimere compiutamente le loro emozioni, si ritrovano in una scena senza tempo, molto più vicina ai nostri tempi che non a una classicità perduta e mitologica.

Pubblicato in Teatro | Lascia un commento

I miei amici (2000)

Pubblicato in Video | Lascia un commento