Cielo di cenci

 

Sudato come giuda arrossendo nella sera

ti pagherò lo stesso il credito del panico

chiedilo alle cose che mi incontrano per strada

sento che son vivo su mobili già rotti

 

Cielo di cenci senza amore guasto

per quel che sono vivo il tempo di una porta

 

Esilio sulla strada e forse sporco impermeabile

no voce tra le voci e tutto il resto è vuoto

 

E mi prolungo nel liquido che circola

nel timore nel timore di non farcela

 

Chiedilo alle cose cielo che non fiati

chiedi quanto tempo ho

nuvola leggera dimmi chi ti prenderà

 

Chiedilo alle cose cielo che non cedi

cosa vogliono da me

nuvola leggera resti solamente tu

 

Sapere solo adesso pittore di me stesso

salvare l’apparenza e tutto il resto è limite

quello che sento ora è stranamente noia

pochi respiri e poi l’ombra gira di sole

 

E mi prolungo su un filo che mi scivola

nella pazienza ostinata di riprendermi

 

Chiedilo alle cose cielo che non fiati

chiedi quanto tempo ho

nuvola leggera dimmi chi ti prenderà

 

Chiedilo alle cose cielo non capisci

cosa vogliono da me

nuvola leggera resti solamente tu

 

Chiedilo alle cose cielo che non c’eri

chiedi quanto tempo ho

nuvola leggera resti solamente tu